Allison Mack, star della serie tv “Smallville” reclutava donne/schiave per setta a sfondo sessuale

Le reclutate venivano marchiate e poi costrette a fare sesso con il guru spirituale della organizzazione

1

Non c’è scampo, sulla scia dello scandalo Weinstein, nessuno sfugge al crucifige mediatico e giorno dopo giorno emergono gli imbarazzanti e compromettenti segreti di star e personaggi famosi. Al banco degli imputati stavolta c’è Allison Mack, la Chloe della seria tv “Smallville”. L’attrice sarebbe accusata di aver fatto parte di una setta segreta, che reclutava donne per farne schiave sessuali.

La rivelazione shock sarebbe stata fatta al New York Times da ex membri pentiti della setta praticanti del culto Dos, acronimo di “dominus obsequious sororium”, ovvero “padrone delle donne schiave”. Al centro dello scandalo ci sarebbe il gruppo di auto-aiuto Nxivm di cui Dos sarebbe una sorellanza segreta.
Fondato da Keith Rainere, Nxivm è un’organizzazione che offre consigli alle donne per vivere una vita di successo durante la quale creare un proprio percorso personale e soddisfacente. Dietro alla facciata però si nasconderebbe una realtà molto diversa.
Stando ai racconti dei “pentiti”, Rainere, conosciuto con il nome di “Vanguard” e guru spirituale della setta, avrebbe “reclutato” seguaci, le più meritevoli, per far parte del Dos. Ad aiutarlo proprio l’ex attrice di “Smalville”, Allison Mack. Scopo del Dos lavorare per favorire “il bene e la forza femminile contro il male”,per “accrescere il potere delle donne”.
Discutibili però i modi. Le seguaci infatti vengono marchiate a fuoco, sottoposte a diete ferree, perché Raniere “ama le donne magre e pensa che il grasso interferisca con l’energia”, subiscono punizioni corporali se non portano a loro volta altre seguaci e sono costrette ad avere una relazione sessuale con il leader. Inoltre le “schiave” devono consegnare foto e filmati personali in pose hot, che il guru potrebbe rendere pubbliche se le donne non si sottomettono ai suoi ordini.

FONTETgCom Televisione
SOCIAL

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here