Beatles, 50 anni fa la loro ultima esibizione dal vivo: sul tetto… del mondo

Il concerto venne ribattezzato "The Beatlesʼ rooftop concert" e colse di sorpresa tutti rimanendo nella storia come un momento memorabile

Era il 30 gennaio 1969, esattamente 50 anni fa, e il traffico a Londra, intorno a Savile Road, si paralizzò. Sul tetto della Apple Records i Beatles si stavano esibendo, a sorpresa, in quello che fu per loro l’ultimo concerto dal vivo: i “Fab Four” si sciolsero infatti l’anno dopo. Non fu solo un concerto, fu un momento storico, che viene ricordato ancora oggi come uno dei più leggendari della storia della musica rock.

John, Paul, Ringo e George non si esibivano dal 1966: quel giorno però erano di nuovo tutti e quattro insieme. Faceva freddo e Lennon indossava la pelliccia che gli aveva prestato Yoko Ono. L’esibizione durò poco più di quaranta minuti, durante i quali però la gente rimase con il naso all’insù, come incantata, mentre i “Fab Four” eseguivano in looping alcuni dei loro successi: da Get Back, a Don’t Let Me Down, I’ve Got A Feeling, One After 909 e Dig A Pony. L’intero concerto improvvisato, il backstage, la preparazione, i passanti e gli spettatori che erano accorsi sul tetto o che erano restati giù, tutto doveva essere registrato per il documentario “Let it Be – Un giorno con i Beatles”. 

Poi arrivò la polizia per sciogliere l’assembramento non autorizzato, in strada e sul tetto. Ma in molti sono convinti che fosse tutto concordato anche con gli agenti. Quel che è certo è che la notizia di quella magica e “celestiale” esibizione, che prese in nome di “The Beatles’ Rooftop Concert”, fece il giro del mondo e divenne fonte di ispirazione per altre band che si esibirono successivamente sui tetti dei palazzi.

Quando la polizia interruppe il concerto John Lennon pronunciò una frase, diventata storica : “Grazie a tutti da parte mia e del gruppo e speriamo di aver superato l’audizione!”. Nemmeno un anno dopo, il 4 aprile 1970, la band annunciò lo scioglimento ufficiale. L’audizione però, quella per entrare nell’olimpo delle migliori band della storia del rock, l’avevano sicuramente passata.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here