Bolle e gli Obama i più eleganti nella hit di Vanity Fair

C'è Prada, assenti i Trump ma c'è Hervé Pierre, stilista Melania

1

Ci sono Roberto Bolle e Miuccia Prada e ci sono gli Obama, ma non i Trump. Né Melania, né Ivanka, per non parlare di “The Donald” con il cravattino rosso extralarge, figurano nella hit parade internazionale dei meglio vestiti di “Vanity Fair” che include però Hervé Pierre, lo stilista che ha vestito la nuova First Lady al ballo dell’insediamento e in altre occasioni ufficiali tra cui la partenza del primo viaggio all’estero per il G7 di Taormina. Pierre, che è stato direttore creativo della casa di moda americana Carolina Herrera, ha regalato al magazine una citazione di cui Melania potrebbe sicuramente condividere: “Gli abiti casual non sono sempre la risposta giusta”, anche se poi si è fatto fotografare con le Converse ai piedi.

La First Lady, invece, si è attirata una valanga di critiche partendo in bilico su impossibili stiletti di pelle di serpente per una visita umanitaria agli alluvionati di Houston. Gli Obama sono invece nella lista come del resto in anni precedenti. Anche se il look memorabile dell’edizione 2017 è decisamente informale: sono fotografati durante la recente vacanza in Toscana. Altri politici includono il premier canadese Justin Trudeau, i cui calzini hanno fatto i giro del mondo, e il presidente francese Emmanuel Macron con la moglie Brigitte. Immancabile un Kennedy: è Jack Schlossberg, il terzogenito di Caroline Kennedy e il nipote di JFK. Il primo ballerino della Scala Bolle e Miuccia Prada sono gli unici italiani della compilation. Lui opta per la fragranza “Sandalo” di Santa Maria Novella come profumo e rivela che Marcello Mastroianni è la sua icona di stile. C’è anche, romano di adozione, il brasiliano Carlos Souza, brand ambassador globale della maison Valentino con un motto di stile: “Vestiti semplicemente ma non coordinare mai”.

FONTEAnsa
SOCIAL

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here