Dalle unghie ai capelli, cinque trend che sembrano nuovi ma sono antichi

Uomini con l'eyeliner? Già nell'Antico Egitto

1

Tutto ciò che è nuovo a ben guardare ha tracce antiche. Così il blog americano Americanoize si è divertito a trovare 5 dei numerosi esempi che potrebbero esserci nel mondo del beauty e della moda sui trend del momento

5- Ragazze dai capelli grigi

I capelli grigi su donne giovani impazzano, visti in testa a Lady Gaga e Kelly Osbourne per fare due esempi. Ci sembrano futuristici ma in realtà non è una moda nuova affatto. Nel XVIII secolo il grigio era una gradazione di colore dei capelli, per giovani donne, decisamente standard. Li portava così Maria Antonietta di Francia. E altre al grigio si usavano molto anche i colori pastello. Anche qui niente di nuovo per lo streetstyle contemporaneo.

4 – Unghie artificiali

I nail salons sono in pieno boom, non c’è donna che non voglia unghie laccate artificiali che siano colorate, decorate o french manicure con la lunetta bianca, secondo mode e colori che variano di frequente. Ma lo sapete che è un ritorno all’Antico Egitto?! Esistevano già realizzate con osso decorato in modo eccellente, laccate in oro e avorio. Più erano elaborate, più ricca era la persona che li indossava. Oggi le unghie artificiali alla moda si curano principalmente per motivi di bellezza e non indicano la ricchezza, ma considerando quanto bisogna spendere per tenerle a posto ogni 15-20 giorni, forse anche oggi sono indicatori.

3- Eyeliner e smokey eyes

Cercando su Google o Instagram sono migliaia le immagini di occhi segnati dal nero dell’eyeliner o sfumati con lo smokey eyes. Anche qui nulla di nuovo: gli Egiziani, maschi compresi, lo usavano in polvere (e anche oggi il sistema in Medio Oriente è lo stesso, con la bacchettina di legno di cedro per applicarlo) oppure in matita cerata (kohl) per proteggere gli occhi dalla polvere del deserto, per disinfettarli, e naturalmente per rendere affascinante lo sguardo.

2- Jeans Skinny

Non c’è ragazza che non adori i jeans aderenti, affusolati, stretti, a vita alta o bassa secondo la moda del momento. Perfetti soprattutto sul fisico più magro e, con accessori adatti, possono essere decisamente chic. Lanciati all’inizio degli anni 2000 come pantaloni ‘ribelli’ hanno antenati recentissimi: i jeans a sigaretta, allora si chiamavano così, degli anni ’50. Tagliati corti sulla caviglia, alla Brigitte Bardot secondo la moda Tropezienne o più lunghi.

1 – Cambiare tono di pelle

Nei primi anni del ‘900 l’abbronzatura era per il popolo, i contadini costretti ad esporsi al sole durante il lavoro quotidiano mentre avere una pelle protetta, bianca e di porcellana era una distinzione sociale. E chi voleva imitarli abbondava con ciprie coprenti, Coco Chanel capovolse tutto negli anni ’20 quando dopo una vacanza in Costa Azzurra tornò con la pelle ambrata grazie all’olio da bambini che si era spalmata. Le sue seguaci presero ad abbronzarsi come lei e la moda è durata fino agli anni ’80 almeno. Ora si torna all’antico, basta abbronzatura selvaggia meglio il viso pallido

FONTEAnsa
SOCIAL

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here