Oscar 2017, minacce di morte per i responsabili dell’annuncio “fail”

Le conseguenze del clamoroso errore che ha segnato la notte degli Oscar stanno assumendo proporzioni inquietanti. Dopo essere stati sospesi dal loro prestigioso incarico (quello di custodire la busta con il titolo del miglior film), Brian Cullinan e la collega Martha Ruiz, i revisori dei conti della PricewaterhouseCoopers (PwC), responsabili – in realtà solo il primo – della clamorosa gaffe che ha visto Warren Beatty e Faye Dunaway assegnare il premio più ambito, quello per miglior film, a La La Land e non a Moonlight, hanno ricevuto minacce di morte sui social media e adesso saranno affiancati da guardie del corpo; e poichè sono spuntate foto anche dei loro familiari, le misure di sicurezza saranno rafforzate anche nelle loro case. Lo ha reso noto la stessa azienda di revisione di conti PwC. Secondo il sito Tmz, i due temono addirittura per la loro vita. Mercoledì scorso era emerso che i due non svolgeranno più l’ambito compito di depositari delle buste con i nomi dei vincitori nelle varie categorie. Secondo Tmz, però, i due non dovrebbero però perdere il posto di lavoro.

La sera di domenica, la peggior gaffe in 89 anni di storia degli Academy Awards, è stata dovuta a Cullinan che stava twittando un foto di Emma Stone solo 3 minuti prima di consegnare la busta sbagliata – il doppione di quella del premio quale miglior attrice appena assegnato alla giovane attrice – a Warren Beatty e Faye Dunaway e non quella giusta che assegnava a Moonlight. Da qui l’errore dei due attori che, sapendo di dover dare l’annuncio per il miglior film hanno dedotto, leggendo il nome della protagonista, che avesse vinto La La Land.

Dietro le quinte, si è sentito qualcuno dell’agenzia che urlava: “Ha preso la scheda sbagliata”. Mentre lo staff di La La Land già si preparava a fare i discorsi di accettazione, Cullinan e la collega Martha Ruiz si sono precipitati entrambi sul palco a cercare di riparare. Ma ormai il danno era fatto, anche in mondovisione.

Cullinan ha rapidamente cancellato il Tweet ma non abbastanza in fretta per non essere beccato dal Wall Street Journal, si leggeva: “Miglior attrice Emma Stone nel backstage!#PwC (sigla della società PricewaterhouseCoopers che da sempre cura la gestione formale dei premi, ndr)” insieme ad una foto dell’attrice.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here