Scaramanzia: i piccoli riti per propiziare la buona fortuna

Dal cibo agli abiti, dai gesti ai botti, ecco le consuetudini per catturare la buona sorte per il Nuovo Anno

C’è chi si veste di rosso l’ultimo dell’Anno, che si rimpinza di lenticchie, chi riempie la casa di vischio per non farsi sfuggire l’occasione di un bacio: sono le usanze portafortuna che dovrebbero aiutarci a catturare la buona sorte e convincerla a riservarci un occhio di riguardo. Molte sono usanze antiche delle quali non ricordiamo neppure l’origine, altre sono relativamente recenti e arrivano da Paesi lontani: se siete del parere che “non è vero, ma ci credo!” ecco una carrellata di consuetudini propiziatorie, da tener presenti per ingraziarci la fortuna in attesa del 2019. Perchè, in fondo, provare non costa nulla.

A TAVOLA – Il cibo raccoglie una quantità infinita di simboli portafortuna e ogni regione d’Italia o Paese del mondo ha i suoi. Eccone alcuni, più o meno famosi.
-Le lenticchie – Consumate da sole o con il classico cotechino, hanno il compito di propiziare la prosperità e i lauti guadagni. Sarà per la per la forma che ricorda quella di piccole monete, sarà per il fatto che favoriscono il transito intestinale e che questo è da sempre considerato simbolo di abbondanza, questi piccoli legumi dovrebbero aiutare l’ingresso di denaro e le vincite monetarie. Sarà vero? Di sicuro hanno ottimo sapore e sono ricche di nutrienti utili per la salute. Tutto il resto… è in più.
– Uva – Anche un bel grappolo dovrebbe favorire i movimenti di denaro in entrata: secondo l’usanza spagnola occorre mangiarne dodici chicchi mentre scoccano i rintocchi della mezzanotte.
– Melograno – E’ simbolo di fertilità e buona sorte in virtù del suo colore rosso, dei chicchi dolci e succosi e del guscio che protegge il contenuto del frutto, ma anche l’energia della persona che lo mangia.
-Peperoncino rosso – Sono scaramantici in virtù del loro colore acceso e del “fuoco” che hanno al loro interno, capace di bruciare e allontanare la malasorte.
-Lanciare il pane- In Irlanda c’è la consuetudine di lanciare una pagnotta contro un muro durante la sera dell’ultimo dell’anno, per scacciare gli spiriti maligni.
-Sale – Regalarne un sacchettino agli amici è un ottimo augurio portafortuna.

PER L’AMORE – Baciarsi sotto il vischio è uno dei riti più noti per garantire lunga vita a una storia d’amore. La tradizione nasce dai Druidi che utilizzavano rametti di vischio per tenere lontani gli spiriti maligni dalla casa. Secondo la leggenda, le bacche di vischio nascondono un troll imprigionato da un mago dopo questo aveva tentato di baciarne la moglie addormentata. Regalare un armo di vischio alla donna amata è simbolo di un sentimento intenso e molto passionale.

INDOSSARE QUALCOSA DI NUOVO E DI ROSSO – Il rosso è un colore dal forte potere scaramantico. L’abitudine di indossare biancheria intima di questa tinta l’ultima notte dell’anno dovrebbe proteggere dalle streghe e dalle maledizioni che queste possono scagliare sulle parti intime. La mattina del Nuovo anno si dovrebbe anche indossare un capo (uno qualsiasi) nuovo di zecca: in questo modo ci si propizia la buona fortuna.

IL FUOCO – La consuetudine di accendere grandi falò o bruciare oggetti vecchi allo scoccare della mezzanotte vuole fare piazza pulita dell’anno che si conclude, con le sue fatiche e i suoi giorni difficili, per fare spazio alle novità e alla speranza che il futuro sia migliore. I falò sono un antico retaggio delle culture pagane che attribuivano al fuoco un ruolo di purificazione e di nuova fertilità per la terra agricola. Per veder realizzato un desiderio per il Nuovo Anno, in Russia si usa scriverlo su un bigliettino di carta e poi bruciare il foglietto nel camino mentre si fa un brindisi.

I BOTTI – Anche l’abitudine di sparare botti e petardi è legata al desiderio di liberarsi dell’anno vecchio e di farlo “esplodere”. In più il rumore causato dai fuochi artificiali ha lo scopo di spaventare gli spiriti maligni. L’importante è utilizzare la massima precauzione nel maneggiarli e tenerli fuori dalla portata dei bambini.

PENSARE POSITIVO – Al di là di ogni superstizione, un atteggiamento sereno e positivo nei confronti della vita è il modo migliore per ingraziarsi la fortuna. Non c’entra magie e scaramanzie: uno sguardo aperto sul futuro ci rende semplicemente più attenti nel riconoscere ogni buona possibilità che si presenta e ci dà le migliori chance di coglierla in tutto il suo potenziale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here