New York Fashion Week: sfilano le super top, gran finale a sorpresa

Il ritorno di Christy Turlington da Marc Jacobs e Patti Hansen da Micheal Kors. Boss ricrea una galleria d’arte

Il magico 1977, Manhattan e lo scintillìo dello Studio 54. Una magnifica esibizione di un quartetto d’archi. L’interno di una galleria d’arte. Si è chiusa così, la Fashion Week di New York, con le emozionanti e spettacolari sfilate di presentazione delle collezioni per il prossimo autunno-inverno di Michael KorsMarc Jacobs e Boss. Un finale assolutamente a sorpresa,segnato dal ritorno sulle passerelle di due icone degli anni Novanta: Patti Hansen e Christy Turlington, oggi splendide over50.

MICHAEL KORS – Ruotano attorno al rutilante mondo del leggendario Studio 54, le nuove collezioni di Michael Kors, presentate in co-ed, uomo e donna. Un melting pot di stili e tendenze per riportare direttamente alla New York del 1977, il primo anno dello stilista nella Grande Mela. La passerella del teatro Cipriani Wall Street è stata cosparsa di coriandoli. A chiudere lo spettacolo, Patti Hansen, bellissima e splendente in un tailleur giacca-pantalone. La super top, che compirà 63 anni il 17 marzo, è tornata a sfilare dopo circa vent’anni. Da menzionare anche la performance live di Barry Manilow, che ha cantato ‘Copacabana’.

BOSS – Fila di luci al neon e specchi. Boss ha voluto ricreare così l’effetto e l’impatto visivo di una galleria d’arte, confermando New York città d’elezione, in cui presenta le sue linee per l’uomo e la donna. Geometrie essenziali e basic, silhouette allungate, colori puri. Un modernismo che riflette un certo gusto architettonico d’insieme.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here