Nuovo lunedì, nuova settimana: elogio al caffè

La domenica è il giorno più tragico. Anche voi pensavate che, finalmente, vi sareste riposati e invece il pranzo coi suoceri, le pulizie, il cambio di stagione per il freddo che comincia a farsi vivo, i figli vogliono andare al cinema a vedere i Pinguini di Madagascar. Insomma un delirio, niente relax.
Per gli studenti è persino più nera, è arrivato dicembre e con lui gli esami, ovvero fuoco incrociato per tre mesi – con breve pausa natalizia. Giorni duri, in cui non ci si lava, si perdono i contatti con il mondo circostante e i coinquilini vengono a bussare, per controllare il vostro stato di decomposizione. Rideteci su, ovunque siate o qualunque età abbiate, siamo tutti sulla stessa nave che imbarca acqua la domenica sera.

Poi, come uno strappo di ceretta, arriva il lunedì e si ricomincia con una nuova settimana che, nonostante i buoni propositi, terminerà esattamente come quella precedente. Ed è bellissimo; il modo in cui siamo fatti è bellissimo. Ci inganniamo da soli, raccontandoci cavolate sulle cose meravigliose che riusciremo a fare, quando avremo un po’ di tempo libero, ma poi corriamo sempre, tra giornate di 24 ore che, manco a dirlo, non bastano.

Suona la sveglia e, dopo un giorno di bronci e lamentele, pensiamo che forse-forse era meglio la domenica. Siamo grandiosi.
Grazie al cielo la natura ci è venuta in aiuto e ci ha dato il caffè. La vita è dura ma se puoi alzarti e preparare un espresso o passare al bar a scambiare due sorrisi assonnati, allora sembra tutto meno grigio. Infondo basta godere ogni giorno di piccole cose, mini soddisfazioni, attimi in compagnia, un messaggio del buongiorno, una battuta con il collega…un caffè, ovviamente – meglio se al ginseng. Siamo italiani e quando sentiamo il rumore della Moka e il profumo che si diffonde in tutte le stanze proviamo una gioia che, ad esempio, in America non possono nemmeno capire, loro che la cucina in casa non sanno manco dov’è.

Non preoccupatevi se siete stanchi, scocciati o pensate che non ne valga la pena. Caffè e passa tutto. E’ testato.
Per l’ansia della domenica sera invece c’è un altro rimedio, si chiama vino- senza esagerare, che non si dica che Mode istiga all’alcolismo. Noi affrontiamo questa settimana in redazione all’insegna di una frase, molto significativa, da poco scovata sui social, e ve la lasciamo, perché siamo certi che darà la spinta giusta anche a voi.

Lord, give me COFFEE to change the things I can & WINE to accept the things I can’t” (trad: “Signore, dammi il caffè per cambiare le cose che posso cambiare & vino per accettare quelle che non posso cambiare“).

Tenete duro! Tra un po’ sarà Natale.

nuovo lunedi