Una coppia gay per Tiffany, l’amore in chiave moderna

Coppia Gay Per Tiffany Testimonial Campagna Brand Anelli Collane
Coppia Gay Per Tiffany Testimonial Campagna Brand Anelli Collane

Sette foto che rappresentano fasi diverse di una relazione in cui l’amore regna sovrano. Poco importa se, in una di queste fotografie, ad essere protagonista è una coppia omosessuale. La scelta di Tiffany & Co, il noto marchio di gioielleria newyorkese, è volta a dimostrare quanto questo sentimento così puro sia in grado di superare ogni barriera e ostacolo.
Linda Buckley, portavoce dell’azienda, ha infatti chiarito: “Al giorno d’oggi, la strada per il matrimonio non è più lineare e il vero amore può accadere più di una volta e in forme diverse” -e ancora- “Le foto sono una celebrazione dell’amore moderno”.
Dimostrazioni d’affetto reali queste, le quali non esistono solamente davanti a una macchina fotografica. La coppia gay per Tiffany, originaria di New York, infatti è realmente prossima alle nozze.

Coppia Gay Per Tiffany Testimonial Campagna Brand Anelli Collane 2015

La campagna 2015 “Will You?” (in inglese: lo vuoi?) realizzata dal fotografo tedesco Peter Lindberg, buca dunque i canoni più tradizionali, trasmettendo con garbo ed eleganza, un’idea di famiglia contemporanea pronta a celebrare il matrimonio. Un messaggio che arriva forte e chiaro, in maniera pur sempre delicata e romantica.
Il brand di gioielleria americano rimane sempre altamente iconico da quando divenne famoso anche grazie al volto di Audrey Hepburn nel film “Colazione da Tiffany” ad oggi, in cui, per la nuova campagna pubblicitaria di anelli di fidanzamento sceglie scatti simbolici, per dare una svolta decisiva alla sua immagine. Una scelta azzardata ma azzeccata che ha premiato il marchio con un notevole successo sia sui social network che tra la comunità gay, che sembra aver particolarmente apprezzato l’iniziativa.

Coppia Gay Per Tiffany Testimonial Campagna Brand Anelli Collane Marchio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here